T2 Trainspotting , il prossimo 23 Febbraio 2017, è un film diretto dal regista Danny Boyle. You also have the option to opt-out of these cookies. Alla fine scegliete di marcire, di tirare le cuoia in uno squallido ospizio ridotti a motivo di imbarazzo per gli stronzetti viziati ed egoisti che avete figliato per rimpiazzarvi; scegliete un futuro; scegliete la vita. Trainspotting (1996) Scegliete la vita, scegliete un lavoro, scegliete una carriera, scegliete la famiglia, scegliete un maxitelevisore del cazzo, scegliete lavatrici, macchine, lettori CD e apriscatole elettrici. Leggi di pi ù Riduci. O addirittura anche a Tarantino, dietro Le Iene o Pulp Fiction ci ritrovo molto di quel nichilismo post anni ’80. T2 Trainspotting di Danny Boyle ... recensione di Eugenio Radin. Trainspotting. Trainspotting è la genesi di un cult generazionale che ha animato le menti di molti cinefili. Trainspotting recensione film – immagine dal film. Trainspotting (1996): trama, recensione e curiosità del film di Danny Boyle. Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. This website uses cookies to improve your experience while you navigate through the website. Trainspotting, sia nella versione cartacea, sia in quella del film, non possono che suscitarmi ricordi di gioventù. @lazzaro: sollevi una questione interessante: purparlé, ti va di elencare alcuni degli “altri film hanno raccontato il vuoto valoriale post anni ’80”? No! Un film con Ewan McGregor, Robert Carlyle, Ewen Bremner, Kelly MacDonald, Jonny Lee Miller. NON FARE IL PIGRO E APRIMI Non molto utile, ma nemmeno brutto, anzi. Essi odiano il loro paese, la loro famiglia, la loro routine, ed è come se fossero in una spirale di negatività che cesserà di girare appena avranno modo di continuare a drogarsi. La visione distaccata di un regista che ha scelto la via del cinema per illustrare la modernità. Directed by Danny Boyle. Siamo in Scozia, precisamente ad Edimburgo, il film segue la quotidianità del protagonista Mark Renton e quella dei suoi amici, che, come lui e tanti altri giovani scozzesi, hanno rinunciato ai beni materiali della vita e hanno scelto di vivere solo per la droga, specie per l’eroina; non hanno ideali o aspirazioni e il loro futuro, agli occhi degli spettatori, è sempre più nero. Oltre al fatto che non esiste un pensiero, una riflessione dietro Trainspotting: solo un desolante nulla(fosse almeno diretto bene questo nulla, invece anche a livello di grammatica cinematografica siamo tra lo scarso e il vuoto). Renton però è cambiato, non sopporta più i suoi amici, non li vuole addirittura in casa, proprio per questo accetta un ultimo colpo, il più grande, cosicché essi possano tornare ad Edimburgo soddisfatti, lasciandolo nella sua nuova tranquillità; il colpo consiste nella vendita di un lotto di eroina, che andrà secondo i piani previsti. C’è chi lo considera il più grande cult degli anni ’90: io lo considero il più grande bluff degli anni ’90(tanti altri film hanno raccontato il vuoto valoriale post anni ’80 in maniera molto migliore e molto interessante), perché pur avendolo rivisto tre volte, dietro Trainspotting non vedo nulla se non un regista affetto da chiari problemi di ego ipertrofico. 28/08/2011 10:24:05 ... La recensione dice che è un "libro cult di una generazione". Da notare anche l’importanza del brano di Reed, soprattutto nel finale, mentre le infermiere stanno soccorrendo Renton, partono i versi «You’re going to reap just what you sow», cioè «Raccoglierai ciò che hai seminato», conseguenze che pagherà, pochi minuti dopo, nella sequenza in cui i genitori lo barricano in camera, ed egli cadrà in un’astinenza profonda. Trainspotting (1996) – Recensione. ... - Il sonoro del film: ora - Trainspotting al festival cinematografico di Cannes @lazzaro: ah, ok, pensavo che ti riferissi a qualche film di Cronenberg degli anni Novanta (a quel punto, credevo che avresti detto Crash ). In questo inizio sta l'essenza di Trainspotting, la demolizione della morale comune. But opting out of some of these cookies may have an effect on your browsing experience. Scritto da John Hodge su soggetto di Irvine Welsh. Il regista, partendo da questo presupposto, decide di dividere il film in sequenze, esattamente tre. Devi essere connesso per inviare un commento. Far trascorrere vent'anni esatti e ritrovarsi nuovamente allo stesso punto di partenza... E' davvero questo che T2 voleva dirci? Trainspotting 2 - #Film #Recensione Glauco Silvestri 10:30:00 Films. https://www.nientepopcorn.it/film/trainspotting/recensioni/trainspotting Ho messo 5 a Trainspotting, ma senza rabbia. @lazzaro: ok, grazie, credo di aver capito a quale “filone” ti riferisci. Egli, dopo aver subito un processo giudiziario che lo “condanna” ad un programma di riabilitazione, con la sua voce fuori campo ci spiegherà che, nonostante tutto, ha ancora voglia di un’ultima pera (un’ultima dose) e decide quindi di andare da Madre superiora che non è altro che il suo personale spacciatore. È tratto dall’omonimo romanzo di Irivine Welsh del 1993. Out of these cookies, the cookies that are categorized as necessary are stored on your browser as they are essential for the working of basic functionalities of the website. Numerosi registi hanno provato ad addentrarsi, col cinema, dentro il mondo della droga: Danny Boyle stesso con questo suo secondo lungometraggio, oppure Darren Aronofsky con il suo Requiem for a dream, avvalendosi di una regia e montaggio superlativo per dare al pubblico le sensazioni negative, quasi come se le stessimo vivendo noi (e succede anche in Trainspotting) per farci allontanare da questa cruda realtà. T2 Trainspotting due recensione del film seguito del cult movie del 1996 che ha segnato una generazione con Ewan Mcgregor Prendi l'arte e mettila… in un lettore DVD. Trainspotting 2 – Recensione in anteprima. I giorni dei protagonisti passano tra rapine, droga, inseguimenti e tanti altri guai. – … da i Fratelli Lumiere al primo cinema narrativo di David W. Griffith, film per il 25 aprile, Festa della Liberazione dal nazifascismo, Tutte le nomination, film, attori, registi vincitori, Sausage Party - Vita segreta di una salsiccia, The Decline of Western Civilization Part II:The Metal Years, Migliori Serie Tv e Miniserie Tv del 2019, Migliori Serie Tv e Miniserie Tv del 2018, Migliori Serie Tv e Miniserie Tv del 2017, Migliori Serie Tv e Miniserie Tv del 2016, Blaxploitation: terra di confine tra cinema, musica e politica, Cinema cyberpunk: corpi ibridi e realtà virtuali, Cinema e donna: i film consigliati per l'8 marzo (e non solo), Halloween: i film consigliati per una notte "da spavento", Nove TV (canale 9 e 509 del dtt), Food Network (33), Giallo (38), K2 (41) e Frisbee (44), Paramount Channel (canale 27 del dtt), Super! La seconda parte del film dà spazio alle conseguenze delle loro scelte immature, dei loro sbagli e si passerà da processi giudiziari ad overdose, fino ad arrivare a morti improvvise. Lasciami andare dal 21 gennaio disponibile in digitale, Cinema Muti: il cortometraggio di Iacopo Zanon, L’incredibile storia dell’isola delle rose (2020): Recensione. ... Trainspotting in certi momenti lo si ama, in altri lo si odia. Già adesso non vedo l’ora, diventerò esattamente come voi: il lavoro, la famiglia, il maxitelevisore del cazzo, la lavatrice, la macchina, il cd e l’apriscatole elettrico, buona salute, colesterolo basso, polizza vita, mutuo, prima casa, moda casual, valigie, salotto di tre pezzi, fai da te, telequiz, schifezze nella pancia, figli, a spasso nel parco, orario d’ufficio, bravo a golf, l’auto lavata, tanti maglioni, natale in famiglia, pensione privata, esenzione fiscale, tirando avanti lontano dai guai, in attesa del giorno in cui morirai.”. Che è un film senza morale, ma anche didattico, perchè fa intendere cos'è bene e cos'è male, mostrando la durezza e la bruttura della vita dei quattro "amici" tossicodipendenti. Chi ha bisogno di ragioni quando ha l’eroina?”. Non ci sono ragioni. E’ tratto dal romanzo di Vikas Swarup Le Dodici Domande da cui Boyle, il regista inglese del controverso cult Trainspotting (1996), ha preso liberamente spunto affiancato dalla sapiente sceneggiatura di Simon Beaufoy. This category only includes cookies that ensures basic functionalities and security features of the website. 01 ore 34 minuti. Ma perché dovrei fare una cosa così? Focus su Mark Renton, giovane eroinomane di Edinburgo, e … Videodrome secondo me rappresenta la perdita di tutti i valori precedenti, sublimati nel medium televisivo. - MYmonetro 4,22 su 5 recensioni tra critica, pubblico e dizionari. Titolo originale Trainspotting. La genesi del cult generazionale che ha animato le menti di tanti cinefili. Renton, deeply immersed in the Edinburgh drug scene, tries to clean up and get out, despite the allure of the drugs and influence of friends. Trainspotting 2 è infatti oltremodo “diverso”, se in bene o in male dipende dai punti di vista. La verità è che sono cattivo, ma questo cambierà, io cambierò, è l’ultima volta che faccio cose come questa, metto la testa a posto, vado avanti, rigo dritto, scelgo la vita. “Scegliete la vita; scegliete un lavoro; scegliete una carriera; scegliete la famiglia; scegliete un maxitelevisore del cazzo; scegliete lavatrici, macchine, lettori CD e apriscatole elettrici. Pubblicato il 05/03/2017 di Staff. Da citare, senza ombra di dubbio, la sequenza dell’overdose di Renton. di Medicina OnLine. Based on the 1993 novel of the same title by Irvine Welsh, the film was released in the United Kingdom on 23 February 1996. info@malatidicinema.it, Trainspotting, recensione del film diretto da Danny Boyle con protagonista Ewan McGregor. COMMENTO: Trainspotting, candidato all’Oscar per la migliore sceneggiatura non originale, è un film degli anni Novanta ma che tratta, comunque, un argomento sempre attuale. Luca Valentini-3 Febbraio 2017. Il film più stupido, superficiale, grottesco e patetico sulla dipendenza da droga e sugli anni ’90, girato da un regista dalle capacità modeste(non riesco a trovare un singolo film di Boyle costruito bene, sia a livello narrativo che a livello visivo), dove c’è pure spazio per una critica populista all’inverosimile al mondo borghese(cacchio, se vuoi attaccare la borghesia fallo bene, non farlo con i soliti cliché) e scene che non ho mai capito se debbano farmi riflettere, lasciarmi indifferente o alimentare la mia già grande fobia degli aghi. These cookies will be stored in your browser only with your consent. Madre superiora lo soccorrerà come meglio può, semplicemente scendendolo dalle scale e chiamando un taxi, che lo porterà all’ospedale dove gli verrà iniettata una dose di adrenalina grazie alla quale egli vedrà la luce, quasi come se stesse riemergendo dal tappeto rosso, metaforicamente la sua tomba. “Crash” è un grandissimo film, ma non ce lo vedo molto come film nichilista sinceramente, almeno non è quello che secondo me Cronenberg vuole comunicarci nel suo film. Attori: Ewan Bremner, Ewan McGregor, Jonny Lee Miller, Kelly Macdonald, Kevin McKidd, Robert Carlyle. È un bene perché se c’è sì nostalgia, anche piuttosto esplicita, viene dosata da un regista esperto e consapevole come Boyle in maniera sicuramente intelligente. Io ho scelto di non scegliere la vita: ho scelto qualcos’altro. Questi sono i primi che mi vengono in mente. (47), Spike (49) e VH1 (67 e 567), RETE CAPRI (canale 66) e Capristore (canale 122). Rimane tuttavia un mezzo capolavoro, perché prendere un’opera di Ballard e farne un film non è cosa che tutti possono fare. “Videodrome” su tutti, rappresenta la distruzione “mediatica” della società. Boogie Nights di Paul Thomas Anderson secondo me è un altro film molto rappresentativo a questo proposito. Di. La recensione di T2: Trainspotting, sequel della pellicola cult diretta da Danny Boyle nel 1996 con protagonista Ewan McGregor. Nessuno, però, prima di Boyle, aveva mai mostrato la realtà nuda e cruda, ma anche mentalmente aperta, come fece lui, che col budget di 1,5 milioni di sterline, diede vita ad un piccolo capolavoro destinato a rimanere impresso nell’immaginario collettivo negli anni a venire. La terza parte del film invece è quello che sembra un momento di redenzione da parte di Renton, egli va a Londra, per iniziare una nuova vita, ma ecco che tornano a bussare alla porta i suoi amici di Edimburgo. Il film è all altezza, non delude poi la colonna sonora è storica qui da iggy pop a lou reed una vera perla! Proprio quando parte il brano, Renton, che si trova su un tappeto rosso, sprofonda letteralmente in esso, quasi come se il tappeto fosse una fossa mortuaria, tutto ciò per simboleggiare le conseguenze della droga. Non riesco a trovare un suo film davvero originale(ovviamente posso sbagliarmi, non sono un vate). Boccatissimo. Un film di Danny Boyle. C’era un orizzonte in Trainspotting, per quanto nebuloso. Uscito nelle sale britanniche il 23 febbraio 1996. Genere Drammatico - Gran Bretagna, 1996, durata 115 minuti. These cookies do not store any personal information. Per info e collaborazioni Genere: Comico, Drammatico. Scritto da John Hodge su soggetto di Irvine Welsh. We also use third-party cookies that help us analyze and understand how you use this website. Uscita: 23 Febbraio 1996. Any cookies that may not be particularly necessary for the website to function and is used specifically to collect user personal data via analytics, ads, other embedded contents are termed as non-necessary cookies. Comunque entriamo sui gusti personali…tornando al film , invece penso sia – senza dubbio – uno dei meno riusciti di Boyle , anch’io penso sia incredibilmente sopravvalutato. Tratto dall'omonimo romanzo di Irvin Welsh del 1993, Trainspotting è un cult Perchè per esprimere un giudizio negativo su un cult si devono sovente affilare le armi e strillare più forte degli altri; ma io vorrei archiviare con pudore il film più noto di Danny Boyle, regista che apprezzo molto, limitandomi a fare qualche osservazione personale. Il tema è quello della droga, in particolare l’eroina, guardata da un punto di vista nuovo, diverso ed inusuale. https://malatidicinema.it/2020/10/20/trainspotting-1996-recensione Al contrario il secondo capitolo è da questo punto di vista meno cristallino e per questo più disperato, nero e forse persino un po’ più confuso. Come Born Slippy , canzone che lo accompagna : una delle lagne più inascoltabili e irritanti che abbia mai sentito in vita mia. Trainspotting 2 non mi ha convinto. T2 Trainspotting risulta essere un film completamente diverso dal predecessore che tanti hanno amato ed al contempo intrinsecamente legato a quest’ultimo attraverso un ritorno sofferto. It is mandatory to procure user consent prior to running these cookies on your website. Trainspotting is a 1996 British black comedy-drama film directed by Danny Boyle and starring Ewan McGregor, Ewen Bremner, Jonny Lee Miller, Kevin McKidd, Robert Carlyle, and Kelly Macdonald in her debut. Un irriverente sguardo nel sottobosco dell’underground britannico dove giovinastri, bulli e pusher incrociano fatalmente i loro destini. Regista: Danny Boyle. 5.0 /10. Jacopo. Trainspotting (1996): Recensione, trama e cast del film cult. Giusto per capire la scala di valori (pardon ). Sinceramente ho una particolare avversione per Boyle perché sembra che voglia sempre portare chissà quali contenuti o chissà quali innovazioni quando è un regista molto modesto con pochissime idee. Nelle sale dal 23 febbraio. È un bene se si pensa al rischio, almeno formalmente sventato, di ricopiare spudoratamente il primo e fortunato episodio. Quando ancora adolescente, con mio fratello andammo al cinema all'Adriano di Roma, che in quel tempo non era ancora stato deturpato in multisala, ma era un meraviglioso teatro, con i palchetti nei piani superiori e lo schermo gigante per gustarsi ogni scena. Negli anni ’90 è rimasto il vuoto creato dagli ’80. With Ewan McGregor, Ewen Bremner, Jonny Lee Miller, Kevin McKidd. La scena finale è geniale, vediamo la trasfigurazione del suo volto, dallo spaventato alla risata, tutto ciò mentre la sua immagine si avvicina e va fuori fuoco, accompagnata, come sempre dalla sua voce fuori campo che come l’inizio è un monologo: “Allora perché l’ho fatto? Recensione Trainspotting Il cult movie di Danny "The Millionaire" Boyle finalmente in alta definizione. Ma il finale cambia le carte in tavola, Renton decide di tradire i suoi amici rubando tutti i soldi del colpo, decide di scegliere la vita, uniformandosi a ciò che si può definire “normale”, che suona come la peggiore delle prigioni. Necessary cookies are absolutely essential for the website to function properly. Cast completo Titolo originale: Trainspotting. Scegliete la buona salute, il colesterolo basso e la polizza vita; scegliete un mutuo a interessi fissi; scegliete una prima casa; scegliete gli amici; scegliete una moda casual e le valigie in tinta; scegliete un salotto di tre pezzi a rate e ricopritelo con una stoffa del cazzo; scegliete il fai da te e chiedetevi chi cacchio siete la domenica mattina; scegliete di sedervi sul divano a spappolarvi il cervello e lo spirito con i quiz mentre vi ingozzate di schifezze da mangiare. Però, continui a gettare il sasso e a pormi domande A quali film ti riferisci quando dici che “Cronenberg ha raccontato alla perfezione questa “distruzione””? La premessa del film si esprime da subito ed è quella di un classico ritorno a casa. Condivido le critiche al film (anche se non così selvaggiamente) , non invece quelle a Danny Boyle, i cui film mi piacciono sempre o hanno comunque tratti peculiari o originali. T2 Trainspotting (2017), scheda completa del film di Danny Boyle con Ewan McGregor, Robert Carlyle, Jonny Lee Miller: trama, cast, trailer, gallerie, boxoffice, premi, curiosità e news.

Adempimenti Fiscali Asd 2020, Hansel E Gretel Elemento Magico, Padre Georg Wikipedia, Hansel E Gretel Elemento Magico, La Sirenetta - Quando Tutto Ebbe Inizio, Paura Di Parlare In Pubblico In Inglese, Orario Circumvesuviana 2021, Concorsi Provincia Di Macerata,